23
Feb
2017
0

Riscontri scientifici

Sono numerosi gli studi scientifici a cui la Yerba Mate è stata sottoposta. Per valutarne la sua efficacia, e i suoi benefici sull’organismo. A cominciare dallo studio che ha avuto per oggetto persone in sovrappeso (maggiori informazioni qui). A 60 soggetti tra i 20 e i 39 anni è stato somministrato un estratto di erba mate per 6 settimane, al termine delle quali sono stati misurati composizione corporea, indice di massa corporea e circonferenza vita dei partecipanti.

Chi aveva assunto l’estratto di Yerba Mate, ha ottenuto una riduzione della percentuale di massa corporea e una riduzione della circonferenza vita maggiore rispetto ai soggetti a cui era stato somministrato il placebo. Dimostrando in questo modo come lo Yerba Mate possa essere d’aiuto per il controllo del peso corporeo, purché abbinato ad una dieta bilanciata e ad attività fisica. Sempre nell’ambito del mantenimento dell’equilibrio del peso corporeo, altri studi scientifici hanno dimostrato che chi assume Yerba Mate mostra una maggiore tendenza all’ossidazione dei grassi: effetto, questo, che favorisce una riduzione del grasso corporeo. Inoltre, la somministrazione acuta del mate non ha influenzato la pressione arteriosa e ha lasciato virtualmente inalterata la frequenza cardiaca. Ancora, sembra che l’infuso di mate possa incidere su altri aspetti del metabolismo dei lipidi, come colesterolo e trigliceridi, e che abbia effetti antiossidanti.

La regola è comunque sempre e solo una: consumare Yerba Mate con moderazione, e tenere conto di eventuali avvertenze e controindicazioni di cui abbiamo parlato qui. Se si decide poi di consumare integratori a base di mate, è bene attenersi ai dosaggi riportati e consigliati sulla confezione.