20
Gen
2017
13

La cultura

Tra tutti i Paesi – prevalentemente sudamericani – che consumano Yerba Mate, il primato è detenuto dall’Uruguay. Qui, così come in Argentina, in Brasile e in Paraguay, coltivare l’erba mate è una tradizione, e altrettanto bere il suo infuso. Ancor prima che il sole sorga, soli o in compagnia, gli uruguaiani preparano il mate, utilizzando gli appositi strumenti – il mate e la bombilla – e facendo attenzione a che l’acqua sia ben calda, ma senza bollire. Si tratta di un vero e proprio rito, da secoli immutato.

Sebbene, in tempi recenti, alcuni abbiano iniziato a degustare uno Yerba Mate più dolce – aggiungendovi zucchero di canna e pezzetti d’arancia – e altri abbiano cominciato ad unire all’erba mate foglie di altre piante medicinali, come il tiglio o la malva. Che lo si beva amaro oppure dolce, e che si aggiungano o meno altre foglie per aumentarne le già ricche proprietà, la certezza è quella di prender parte ad una irrinunciabile tradizione. A differenza del tè o del caffè, la Yerba Mate – più che berla – la si degusta, secondo un rituale che può durare persino alcune ore, riunendo attorno al tavolo la famiglia o gli amici.

Non tutti i Paesi del mondo hanno caratteristiche adatte alla coltivazione dell’erba mate; basti pensare che, nell’intera Argentina, solo due regioni hanno un terreno e un clima perfetto per la sua crescita. Una crescita lunga, laboriosa, che dura per anni. La semina avviene tra febbraio e marzo; trascorsi sei mesi dalla germinazione dei semi, la pianta (nome scientifico, Ilex paraguariensis) viene trapiantata nei vasi. In autunno o in inverno, quando la pianta è abbastanza grande, si effettua il trapianto definitivo nei campi. È l’ultimo passo prima della raccolta delle sue foglie, e della loro lavorazione. Entro 24 ore dalla raccolta, le foglie di erba mate devono essere sottoposte a essiccatura, così da eliminare la naturale umidità; una volta secche, si tritano grossolanamente e si mettono a riposo, per un periodo che varia tra i 6 mesi e i 2 anni. Solo a questo punto, l’erba mate viene macinata più finemente all’interno di un mulino e imballata, per poi essere esportata in tutto il mondo. Permettendo a tutti di godere degli infiniti benefici dell’infuso di Yerba Mate.

immagine tratta dal sito www.argentina.travel